Costellazioni Familiari

costellazioni-familiari

Che cosa sono le costellazioni familiari?

Questo metodo dà informazioni sulle dinamiche inconsce che regolano le relazioni tra i membri di un gruppo.
L´approccio è chiamato “sistemico” perchè si lavora su un sistema, ovvero su un insieme di persone che sono collegate tra di loro da un rapporto, che può essere parentale, di lavoro, di svago, sportivo.
Nell´approccio sistemico la persona che si rivolge al facilitatore chiede di vedere ciò che c´è, di capire le dinamiche che si muovono all´interno del gruppo. La chiarezza che ne deriva permette di agire per riportare equilibrio e ordine nella persona.

Il fine di una rappresentazione è quello di far emergere lo stato d´animo e il vissuto dei vari componenti affinché, qualora ci fossero disordini e squilibri, si possa riportare armonia e fluidità nel sistema, prerequisiti di una relazione sana.

Uno dei modi per lavorare sul sistema o “campo cosciente” è pronunciare le “frasi sistemiche” ovvero frasi che nella relazione non sono mai state dette (“il non detto”) che smuovono le energie del campo cosciente.

Il lavoro si svolge attraverso la rappresentazione della situazione che si vuole vedere.
Questo metodo fa chiarezza sulle interdipendenze dei soggetti che fanno parte di quel gruppo, mostrando le dinamiche “inconsce” che provocano le sofferenze, in vari ambiti: dalla famiglia al lavoro.

E´ importante sottolineare che trae benefici dalla rappresentazione non solo chi chiede di vedere il proprio caso ma anche chi è presente come semplice partecipante al seminario.

Attraverso le costellazioni si guarda alla persona non solo come individuo ma anche come parte di un sistema, da cui proviene e di cui è parte. Ne risulta un benefico senso di continuità e di libertà dal suo passato. Questo favorisce un senso di serenità, forza e appartenenza libera, che sviluppa amore, compassione, accettazione e rispetto per se stessi e per gli altri.

Psicogenealogia e Costellazioni Familiari

Psicogenealogia e Costellazioni familiari

L’albero genealogico ci fa essere quello che egli vuole a scapito della nostra Anima, ma la creatività ci dona la possibilità di volare verso Noi Stessi per diventare quello che vogliamo.

La psicogenealogia studia la famiglia come un organismo vivente in cui ogni membro è collegato a tutti gli altri. Viene chiamata psicologia transgenerazionale perché studia la psiche della famiglia. Essa è un sistema in cui tutti i membri sono connessi tra loro, vivi e morti, e gli eventi che accadono alla famiglia influenzano “il carattere del gruppo familiare”, ovvero danno a quella famiglia una “forma” specifica, un pò come le nostre abitudini, scelte, emozioni ecc. ci danno l’aspetto che ci contraddistingue. Una famiglia quindi può avere, ad esempio, un determinato carattere o aspetto e questo influenza e costituisce tutti i membri che ne appartengono. Ma il sistema famiglia a cui apparteniamo ci influenza anche facendo accadere malattie o salute, sfortune o successi, celibati o matrimoni, sesso dei nascituri, scelte dei lavori, in pratica crea il nostro destino.

L’influenza avviene attraverso due elementi: la genetica e la risonanza morfica. La genetica è la trasmissione dei geni da genitori a figli, mentre la risonanza morfica è la trasmissione di informazioni attraverso “campi psichici invisibili”. Questi campi sono come una mente di gruppo in cui è registrato tutto quello che è accaduto nella famiglia, una sorta di memoria collettiva familiare in cui è presente tutto quello che è successo e soprattutto è presente il modo con cui i membri del gruppo hanno reagito a quello che è accaduto.

Ogni sistema familiare, cosi come ogni organismo vivente, ha l’istinto di sopravvivere e per farlo deve mantenere la conformazione che la contraddistingue per cui ispirerà i membri appartenenti a comportarsi come si sono comportati tutti gli altri membri che sono succeduti (gli avi) affinché tutto resti uguale nel tempo…

Lo schema porta a trascurare l’individualità del singolo ovvero quello che l’individuo sente come sue aspirazioni, i suoi bisogni, i suoi talenti in pratica quello che vuole l’anima viene favorito dai bisogni e dagli obiettivi della famiglia come sistema ripetitivo e riproduttivo di memorie. Ciò che manifesta il sistema familiare morfico è che ogni membro “immoli” la sua missione personale sull’altare della famiglia.

Il condizionamento avviene inconsciamente, tuttavia si percepisce intuitivamente che qualcosa non va, non siamo felici, non ci sentiamo al nostro posto, i desideri del Cuore sono manipolati, avvertiamo questa sensazione che ci fa sentire fuori rotta… Questo accade perchè viviamo portando avanti lo schema familiare anziché per realizzare noi stessi.
Inconsciamente lo schema non vale solo per la famiglia ma può essere anche vissuto per una religione, per uno stato, per un sistema economico, per un sistema medico, per un fanatismo, per un dogma.

Il primo passo per liberarci da un destino già scritto è quello di prendere Consapevolezza di chi siamo, conoscere le nostre radici e chiederci se quello che facciamo lo ha scelto la nostra Anima o lo ha scelto l’albero genealogico. Se siamo pronti a slegarci dal destino familiare occorre lavorare per liberarci attraverso strategie adatte. Questo è un passaggio estremamente delicato e solo chi ha Coraggio e Volontà può intraprenderlo perché significa diventare Se Stessi, significa materializzare la propria Anima e lo si può realizzare solo ed esclusivamente con l’Amore e la Consapevolezza e la Visione degli schemi.

L’Approccio Sistemico

Il metodo delle costellazioni familiari dà informazioni sulle dinamiche inconsce che regolano le relazioni tra i membri di un gruppo.
L´approccio è chiamato “sistemico”, e quindi fa parte delle terapie sistemiche, proprio perchè si lavora su un sistema, ovvero su un insieme di persone che sono collegate tra di loro da un rapporto, che può essere parentale, di lavoro, di svago, sportivo.Nell´approccio sistemico la persona che si rivolge al facilitatore del processo chiede di vedere ciò che   c’è, di capire le dinamiche che si muovono all´interno del gruppo. La chiarezza che ne deriva permette di agire per riportare equilibrio e ordine al sistema.Il fine delle costellazioni è quello di far emergere lo stato d´animo e il vissuto dei vari componenti affinche, qualora ci fossero disordini e squilibri, si possa riportare armonia e fluidità nel sistema, prerequisiti di una relazione sana. Uno dei modi per lavorare sul campo cosciente è pronunciare le “frasi sistemiche” ovvero frasi che nella relazione non sono mai state dette (“il non detto”) che smuovono le energie del campo cosciente.Il lavoro si svolge attraverso la rappresentazione della situazione che si vuole vedere.
Questo metodo fa chiarezza sulle interdipendenze dei soggetti che fanno parte di quel gruppo, mostrando le dinamiche “inconsce” che provocano le sofferenze, in vari ambiti: dalla famiglia al lavoro.

E´ importante sottolineare che trae benefici dalla rappresentazione familiare non solo chi chiede di vedere il proprio caso ma anche chi è presente come semplice partecipante al seminario.

Attraverso le costellazioni familiari si guarda alla persona non solo come individuo ma anche come parte di un sistema, da cui proviene e di cui è parte. Ne risulta un benefico senso di continuità e di libertà dal suo passato. Questo favorisce un senso di serenità, forza e appartenenza libera, che sviluppa amore, compassione, accettazione e rispetto per se stessi e per gli altri.

Gli Ordini dell’Amore

Bert Hellinger ha individuato tre principi fondamentali che regolano il sistema famiglia, quando questi principi sono in equilibrio c’è successo, armonia e salute nella famiglia e nei singoli membri, se invece uno o tutti e tre questi principi non sono più in equilibrio nella famiglia c’è il caos e ogni sorta di problema. Questi principi li ha chiamati Ordini dell’Amore e sono le prime cose che vanno viste quando viene fatta una costellazione perchè se non si mettono a posto difficilmente si potrà risolvere qualsiasi altro problema.

I tre principi sono:

  • l’Appartenenza
  • l’Ordine
  • l’Equilibrio

Il fine della costellazione familiare è quello di ristabilire l’equilibrio sarebbe come “guarire” il sistema famiglia, affinchè il singolo membro possa di conseguenza guarire e questo può avvenire solo se i tre principi sono rispettati, quindi se chi è stato dimenticato (escluso) viene visto e onorato, se chi è più grande da e chi è più piccolo riceve (equilibrio) e se chi ha il ruolo di figlio fa il figlio e chi è genitore fa il genitore.

Nella costellazione familiare si va a vedere tutto questo attraverso la rappresentazione. Non è facile accettare che nella famiglia ci sia uno squilibrio perchè alcune situazioni sono molto dolorose, ma già la volontà di andare a vedere cio che c’è è importante. Ad esempio può essere molto doloroso scoprire che nella famiglia c’è stata una prozia pazza che è stata dimenticata in un ospedale perchè troppo vergognoso per la famiglia (esclusione) oppure è difficile per una mamma ammettere  che ha sostituito il marito che è scappato via di casa con il figlio dicendogli inconsciamente di fare l’uomo di casa (disordine di ruoli dove il figlio fa il padre), o ancora se in famiglia un padre è assente e non da nulla ai figli questi dovrebbero imparare ad accettare quel poco che il genitore ha dato loro. Questi sono solo alcuni esempi che fanno capire come dietro a uno squilibrio c’è sempre un’ingiustizia che va riparata.

Come si svolgono i seminari di Costellazione Familiare

Le persone, un minimo di 4-5, sono sedute in cerchio con il conduttore (omino con i capelli rossi)

La persona che desidera mettere in scena si siede vicino al conduttore (omino con i capelli marroni)

Espone in poche parole il suo problema senza interpretazioni, giudizi o altro, cerca anche di chiarire che cosa vuole da quella seduta e verso quale soluzione è orientato. Il conduttore la invita ora ad esporre i fatti gravi ed essenziali della sua famiglia e, all’occorrenza della famiglia d’origine. Quindi, morti precoci, malattie gravi, abbandoni, aborti, internamenti, gravi ingiustizie, suicidi, ecc

La persona ora è invitata a scegliere fra i componenti del gruppo, in silenzio e dopo essersi concentrato, dei rappresentanti dei membri familiari che il conduttore gli ha indicato.

Ora l’interessato dopo un altro momento di concentrazione dispone le persone, prendendole dalle spalle, in silenzio, in relazione l’una con l’altra, secondo la sua immagine interiore. Senza pensarci.

Ora può tornare a sedersi, per tutto lo svolgimento della rappresentazione sarà un osservatore partecipe di ciò che i rappresentanti diranno e faranno sulla scenaChe cosa avviene nel seminarioLe persone disposte in scena riflettono l’immagine interna che l’interessato porta con sé , di solito è un’immagine soffocante, limitante o comunque che rivela qualcosa di non equilibrato.Il conduttore procede allora, dopo aver chiesto a tutti i partecipanti come si sentono al loro posto, con spostamenti e aggiunte nel cerchio di membri esclusi della famiglia, fino a quando tutti i personaggi dichiarano di sentirsi in pace e a posto. Questo è comunque assai difficile da spiegare con dei concetti e in così breve spazio. Basti dire che alla fine del processo, subentra una nuova immagine che rappresenta un forte impulso di guarigione per l’anima, non solo dell’interessato ma di tutti i partecipanti al seminario. Con quella immagine può iniziare la trasformazione interiore che può durare anche a lungo e, cosa molto importante, coinvolge in modo assai limitato l’intelletto.Il Campo cosciente: Chi partecipa ad un seminario, si accorge subito che i rappresentanti dei membri familiari, pur non sapendo assolutamente nulla delle persone che rappresentano, hanno accesso ai sentimenti , emozioni e spesso comportamenti dei loro rappresentati. Questo lascia all’inizio interdetti e confusi, visto che ciascuno pensa di essere un’entità isolata e separata dagli altri e dal contesto. Non è così e la fisica moderna, ormai da quasi un secolo ci dice che ogni cosa è la manifestazione della stessa energia e ciò che appare separato in realtà è uno a livello profondo. Così è anche per quanto accade nel corso del seminario dove agisce l’energia del Campo Cosciente del sistema familiare.
Quindi, nel seminario si può toccare con mano la realtà di questo principio e dobbiamo ammettere che si sta andando oltre i nostri normali criteri di comprensione. In altre parole, il piccolo io non è in grado di afferrare la vastità di un processo tanto profondo.
Ciò comunque è del tutto irrilevante per il movimento dell’anima che agisce su livelli assai più unitivi delle facoltà mentali che per loro natura tendono a dividere, analizzare, contrapporre, creare scissioni.
Quindi per lo stato attuale delle conoscenze, il fenomeno è inspiegabile ma questo non significa che non porti dei risultati. Per un maggiore approfondimento rimandiamo alla bibliografia sul Campo Morfogenetico di Rupert Sheldrake.L’immagine – soluzione:Partendo dalla costellazione che il protagonista mette inizialmente in scena, gli attori cercano collettivamente, sotto la direzione del conduttore, la costellazione che rappresenta la soluzione, l’immagine che rende in qualche modo possibile la guarigione, generalmente attraverso numerose tappe e tentativi. Chi mette in scena il suo sistema familiare in questa fase non fa altro che osservare e da, se necessario, delle informazioni complementari..
Quando viene trovata l’immagine – soluzione, lo si invita a rientrare e prender posto nella nuova costellazione.
E’ sufficiente poi che mantenga in sé questa immagine e continui a vivere normalmente. Bisognerà lasciar passare un certo tempo.

Come prepararsi

Condizioni necessarie per mettere in scena il Sistema Familiare
Se qualcuno ricostruisce un Sistema Familiare, il proprio o quello di un altro, può farlo solo se ciò è veramente importante e se si tratta di qualcosa di serio, cioè che richieda una Soluzione. Se lo si fa per curiosità, non porta alcun risultato.
Alcune informazioni sulla Ricostruzione
Hellinger: Ricostruire un Sistema Familiare costituisce un lavoro che agisce molto in profondità, per questo l’atmosfera che regna nel gruppo è della massima importanza. Il gruppo deve essere attento e concentrato su ciò che succede. Quando qualcuno mette in scena, tutti devono rimanere in silenzio. La persona che mette in scena e le persone che vengono posizionate rimangono in silenzio.
Troppe informazioni distolgono l’attenzione. Le persone scelte si concentrano all’interno, dimenticando momentaneamente chi sono, i loro scopi personali e le loro intenzioni. Fanno attenzione a ciò che sentono dentro di sè, di ciò che succede quando vengono messe in scena o quando vengono aggiunte altre persone.
E’ importante che l’attore scelto non faccia riferimento a ciò che vede fuori nè che si lasci guidare da quello che crede dovrebbe sentire in quel posto. Deve fare affidamento sulle sue sensazioni corporee e quando dovesse sentirsi diverso da come si era aspettato, deve dire apertamente,senza critica, ciò che sente,nel posto che occupa.
Succede per esempio che ci si senta sollevati quando qualcuno se ne va o muore o ancora che ci si senta attratti da una relazione proibita. Se si tace questo sentimento,qualcosa di importante viene nascosto,bisogna quindi esprimere tutto,senza censure e senza omissioni.
(rivolgendosi a chi mette in scena il Sistema)”Tu organizza la tua costellazione, proprio come te lo senti, secondo il modo in cui vedi le relazioni nella tua immagine interiore e così l’immagine si dispiega mentre tu operi la ricostruzione.
Dimentica quindi ciò che hai programmato , guida gli altri al loro posto, senza gesti, senza parole o sguardi superflui”.

Cosa fa il conduttore

* cerca la causa del problema;

* cerca una soluzione;

* si assicura della serietà e del raccoglimento del gruppo.

questa esposizione è tratta dal libro: “Senza radici non si vola” e dal sito: www.costellazionifamiliari.it

Accettando i cookie confermi di aver preso a visione dell'informativa dei dati personali in base alla normativa europea 2016/679. Continuando la navigazione accetti i termini GDPR LEGGI L'INFORMATIVA

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi